Adriano - racconti e altro

Anteprima

Ultima pubblicazione:

(V)Ocabolario

abigeato s.m. furto di un branco di bestiame. O altro nome collettivo a scelta, a seconda della specie rubata.

bava s.f. miscuglio di schiuma e saliva emesso dalla bocca di bambini molto piccoli, vecchi molto andati, leghisti, pseudointellettuali che sbraitano in tv e in generale animali non contenti di vederti.

criptozoologia s.f. pseudoscienza che studia (per valori molto bassi di studiare) animali inesistenti al di fuori di leggende metropolitane e altre storie inventate, come il mostro di Loch Ness, lo yeti, il chupacabra, imprenditori o politici onesti, il mokele mbembe e così via.

crittografia s.f. forma di scrittura protetta, di solito attraverso l’uso di un qualche tipo di codice che richiede una chiave per poter essere interpretato e letto. Odiata dai governi di tutto il mondo e di tutti i colori, perché rende più dispendiosa la sorveglianza totale dei sudditi.

diritto s.m. facoltà che uno stato riconosce ai suoi cittadini a patto che i cittadini non insistano mai per esercitarla o farla valere, se non quando lo stato stesso glielo richiede e comunque solo nei termini limitati in cui lo stato lo richiede. Non montatevi la testa, chiaro?

ecatombe s.f. nell’antica Grecia, sacrificio rituale di cento buoi agli dei. Per affinità, oggi si usa per indicare una strage particolarmente grande, anche quando non sono coinvolte divinità, bovini o divinità bovine.

feccia s.f. 1 deposito melmoso e schifido che si forma sul fondo delle botti in cui fermenta il vino 2 (fig.) l’insieme degli ominidi che raggiungono i vertici in società, specialmente in campo politico ed economico. In generale, la parte più sporca e spregevole di qualcosa.

glittica s.f. l’arte di intagliare le pietre preziose, come tutti sanno bene.

infanzia s.f. 1 primo periodo della vita di un ominide, di solito dalla nascita fino verso la pubertà. Per ragioni curiose, chi lo sta vivendo non vede l’ora di superarlo, mentre chi lo ha già superato tende a trascorrere il resto della vita rimpiangendolo e desiderando di poterci tornare 2 per estensione, i bambini nel loro insieme.

laurea s.f. titolo di studio conferito da una università al termine di un particolare percorso formativo che include parecchi esami e in teoria anche parecchio studio. È tradizionalmente seguita da periodi più o meno lunghi di disoccupazione, a seconda dei casi e delle conoscenze personali.

moroso agg. e s.m. 1 di qualcuno che è in ritardo nell’adempiere a un qualche obbligo, sopratutto se si tratta di un pagamento 2 s.m. (region.) vedi ragazzo 3.

naia s.f. 1 (scherz.) servizio militare, inteso sia come periodo di tempo, sia come attività svolte in quel periodo 2 genere di serpenti molto velenosi, capaci di inarcare e sollevare la parte anteriore del corpo: il cobra ne è probabilmente l’esemplare più famoso.

ottimizzare v.tr. 1 rendere ottimo, migliorare al massimo 2 in campo informatico, ritoccare qui e là un programma per renderlo leggermente più veloce, almeno sulla base di test molto specifici e scollegati dalla vita reale, farlo sembrare un poco più efficiente rispetto alle versioni precedenti, oppure farlo funzionare meglio in un determinato ambiente e gli altri si attaccano.

paraffo s.m. sigla usata al posto della normale firma in un documento, soprattutto diplomatico. Uno dei sostantivi più usati nell’italiano moderno, ma anche no.

pulire v.tr. trasferire lo sporco da una superficie visibile a una molto meno visibile.

quoziente s.m. 1 risultato di una divisione 2 numero che esprime qualche tipo di rapporto statistico.

rutilante agg. che risplende di rosso, ma nella maggior parte dei casi lo troverete usato per il suono della parola e non per il suo reale significato. Così è la vita.

stagione s.f. ciascuno dei quattro periodi di tempo in cui è diviso convenzionalmente un anno: sono lunghi circa tre mesi ciascuno, si distinguono per la quantità delle ore di luce durante il giorno e un tempo anche per il clima, poi è arrivato il riscaldamento globale. Secondo tradizione, quelle mezze non esistono più.

trogolo s.m. lunga vasca rettangolare dove si abbuffano maiali e politici.

vandalo s.m. 1 persona che si diverte a danneggiare e distruggere tutto quello che vede, specie se è di valore, e non indossa una divisa 2 agg. e s.m. che apparteneva alla tribù barbarica dei Vandali.

zuppa s.f. 1 nome generico per vari tipi di minestre in brodo, in cui si mischia quello che si trova a portata di mano e sembra commestibile. Tradizionalmente include pezzi di pane, che diventerà bagnato 2 per analogia, un miscuglio di cose di vario tipo. Famosa quella primordiale.